Conciliazione vita-lavoro

È interessante per me come tutti sembrano voler discutere dell’equilibrio tra “lavoro e vita” in America proprio ora. Tutti vogliono discutere su come dovremmo bilanciare meglio le nostre vite personali con le nostre vite lavorative. Ci sono persino infografiche al riguardo!

Non sono solo i millennial ad avere questo problema. Tutti discutono dell’elusivo atto di bilanciamento.

Il CEO e fondatore di Glassdoor ritiene che [[] un equilibrio tra famiglia, personale e orario di lavoro sia principalmente un atto di volontà. Devi scegliere di farlo ”(Come sono arrivato qui). Non sono in disaccordo con lui, perché nel mondo dell’interconnessione, devi forzarti a controllare impulsivamente la posta elettronica mille volte al giorno. Ma la risposta non è sempre così semplice. A volte DEVI lavorare più di quanto vorresti, e le cose escono per le quali non puoi proprio tornare a casa.

Forbes ha alcuni suggerimenti, che penso possano essere sfruttati. Ti risparmierò la citazione diretta dell’intero articolo, ma quelli che ritengo più importanti sono di scollegare e fare piccoli passi. È davvero difficile andare a tacchino freddo bilanciando la tua vita lavorativa e la tua vita personale. Inoltre il ritiro del telefono è una cosa reale. Quindi inizia in piccolo. Lascia il telefono da solo per un’ora al giorno.

Una delle cose che trovo più ironiche sul movimento “equilibrio lavoro / vita”, è semplicemente quante ore le persone hanno storicamente lavorato. Il concetto di settimana lavorativa di 40 ore non è entrato in gioco fino agli anni ’50; stiamo lavorando molto meno di quanto abbiamo fatto 100 anni fa (cfr. Ore di lavoro nella storia degli Stati Uniti). Quindi cosa è cambiato che ora sentiamo il bisogno di mettere da parte la nostra vita personale?

Credo che i cambiamenti nella tecnologia abbiano reso quasi impossibile disconnettersi. Ha permesso alla nostra vita lavorativa di penetrare nella nostra vita personale. Penso che la ricerca di un equilibrio tra lavoro e vita privata abbia peggiorato l’equilibrio tra lavoro e vita privata, e così anche gli altri. Don Campbell crede che sia un “mito”; equilibrio in un’illusione, e il lavoro è solo una componente della vita. Non sono completamente d’accordo con lui.

Penso che l’equilibrio tra lavoro e vita privata sia diverso per ogni persona. Ho alcuni collaboratori che lavorano 60 ore alla settimana e lo adoro. Ne ho altri che lavorano solo 40 e mi diverto. Poi ne hai altri nella tecnologia che lavorano da qualche parte nel mezzo o più, e sono da qualche parte nello spettro del felice-ambivalente-miserabile. Chiamo quelle persone IT Operations.

La chiave è sfruttare al massimo i tempi di fermo quando lo hai. Prova a creare una linea di demarcazione tra il lavoro d’ufficio e la tua vita personale, e cerca di attenersi ad esso. Sto mettendo giù il mio computer ora e indietreggio lentamente …