The Unmade Bed: una lezione su come allevare 5 bambini con 2 genitori che lavorano

The Unmade Bed: una lezione su come allevare 5 bambini con 2 genitori che lavorano

Settembre del 2019 sarà la prima volta in 23 anni che non trascorro il mese compilando freneticamente i moduli scolastici, riempiendo il frigo di cibo pronto per i pasti e imballando zaini con cartelle / compresse e pennarelli. Mentre la nostra bambina più piccola inizia il suo viaggio universitario a 3 ore di distanza, ora ho la possibilità di riflettere su come io e mio marito siamo riusciti a superare quegli anni incredibilmente occupati, mantenere la sanità mentale, goderci i nostri figli e rimanere i migliori amici. Alcuni ricordi sono più facili da apprezzare di altri, ma sia i tempi buoni che quelli non così buoni fanno parte del tessuto che ci ha tenuti insieme.

Molti dei miei pazienti mi chiedono quanti figli ho e quando sentono le dimensioni della nostra famiglia la domanda successiva è inevitabilmente come posso continuare a lavorare a tempo pieno. Scherzo che la mia giornata lavorativa è ciò che mi mantiene sano di mente, poiché il personale e i pazienti sono interessati a ciò che devo dire e la busta paga mensile aiuta a pagare le spese di una famiglia numerosa. La verità è che amo il mio lavoro e la mia famiglia e ho imparato a far funzionare entrambi, anche se alcuni giorni meglio di altri. Con più giovani donne che perseguono una carriera professionale, spero che siano in grado di prendere alcune lezioni da quelle di noi che sono andate prima.

Sfortunatamente, non avevo modelli di riferimento in quanto nessuna delle donne della mia famiglia pagava lavoro fuori casa. Sono cresciuto in una fattoria negli anni ’60 e ’70, quando il lavoro di una moglie consisteva nel provvedere a tutte le funzioni di assistenza all’infanzia / famiglia e di dare una mano nella fattoria quando necessario. C’erano chiari confini tra il lavoro delle donne e quello degli uomini, con le donne che attraversavano il regno maschile molto più frequentemente del contrario. Mia madre supponeva che la carriera di un medico limitasse la possibilità di una famiglia e che avrei lasciato il lavoro se avessi deciso di avere figli. Inoltre, nella generazione precedente c’erano pochi modelli femminili di ruolo medico che potevano fornire supporto alla mia generazione. In retrospettiva, la creazione del mio manuale di istruzioni aveva alcuni vantaggi in quanto dovevo capire cosa funzionava per la nostra famiglia e non avevo paura di sbagliare.

Il mio immenso vantaggio in questa impresa era mio marito. Ha anche una carriera professionale, ama i bambini, è un’ottima cuoca e può pulire un bagno. I confini distinti tra i doveri di marito e moglie presenti durante la mia crescita sono piuttosto confusi nel mio matrimonio e fluttuano quotidianamente. Posso essere visto mentre falcia il prato e spalano il vialetto di neve mentre è dentro per aiutare i bambini a fare i compiti e mettere insieme un pasto. Se i compiti sono inglese o ortografico, ho maggiori probabilità di essere coinvolto e se lo spazzaneve è in uso, di solito è quello dietro il manubrio. Per esperienza, abbiamo appreso che un lavoro svolto non è suscettibile di critiche. Se le linee sul prato dal rasaerba non sono diritte, il prato viene comunque falciato. Se i banconi della cucina hanno bisogno di un tocco in più per essere lucidi, la cucina è ancora abbastanza pulita per essere mangiata. Per consenso, abbiamo concordato che non c’è abbastanza tempo durante la giornata per gli extra: un letto perfettamente realizzato con cuscini disposti ad arte, bagni notturni per bambini piccoli e abiti scolastici coordinati.

Crescendo in una fattoria, gran parte del mio tempo non programmato è stato trascorso all’aperto per farmi divertire. Con i miei tre ragazzi sconclusionati, spesso li spingevo tutti fuori per consumare parte della loro energia, proprio come mi era stato insegnato a fare. Alcuni giorni ho messo in dubbio la mia sanità mentale perché ci è voluto più tempo per vestire tutti in abbigliamento invernale rispetto al tempo trascorso all’aperto. Questo stile genitoriale era molto diverso da quello che vedevo tra le altre famiglie del mio quartiere. I genitori preferivano che i loro figli avessero supervisionato il gioco, organizzavano le date di gioco con gli amici desiderati e trascorrevano il loro tempo al parco seguendo i loro figli attorno alle strutture di gioco, assicurandosi che non corressero rischi e si facessero male. “Lascio” ai miei figli arrampicarsi sugli alberi, scavare nel fango / fango, costruire aggeggi spaventosi per cavalcare e camminare per un isolato fino al nostro parco di quartiere per giocare da soli. Non avevo scelta perché avrebbero fatto tutte quelle cose e altro non appena mi avessero voltato le spalle. Questo mi ha reso la vita più semplice perché sono stato in grado di godere di ciò che hanno creato per loro stessi e non ho avuto bisogno di preoccuparmi dell’organizzazione delle attività programmate.

Da giovane, i miei figli hanno perseguito passioni diverse in momenti diversi, senza mai aver paura di fallire le prime 10 volte. Gli studi hanno ora dimostrato che il tempo di gioco non strutturato è fondamentale per lo sviluppo di un bambino e riduce l’ansia e la depressione future, dando loro il permesso di fallire nelle cose facili in modo che continuino a perseverare come adulti quando vengono colpiti dalle avversità.

Cinque bambini possono creare una casa disordinata e hanno bisogno di pasti abbondanti. Non ho avuto il tempo o la volontà di fare tutte quelle faccende domestiche da solo. Da bambini venivano messi al lavoro mentre preparavano i pasti e quando crescevano venivano assegnati per iniziare la cena quando tornavano a casa da scuola. La mattina del fine settimana prevedeva lavori di cantiere e lavori domestici. Ci sono sempre state lamentele sul fatto che i loro amici non avessero le faccende domestiche e a volte ci voleva più tempo per farli muovere nella giusta direzione che se l’avessi fatto da solo. Ma mentre uscivano di casa, sapevo che potevano lavarsi i vestiti, pulire un bagno, aspirare e cucinare un pasto decente. Sapevano che dipendevo da loro per far sopravvivere la nostra famiglia e come negoziare con i loro fratelli per un lavoretto più desiderato.

Questo recente articolo sui bambini Maya illustra ciò a cui ho assistito quando mia figlia più piccola è arrivata a casa dalla Cina all’età di 2 anni. I primi mesi sono stati una lotta per lei mentre si adattava a nuovi cibi, una lingua diversa e una nuova famiglia. Ci furono pochi sorrisi fino a quando un giorno si avvicinò al secchio che stavo usando per pulire il pavimento della cucina, afferrò la maniglia del mocio e iniziò a strofinare il pavimento della cucina. Aveva trovato qualcosa di familiare. Una scopa in America funziona come una scopa in Cina. Quasi ogni giorno per le prossime settimane lavava il pavimento della cucina o aiutava a tagliare e pulire i prodotti per i pasti. I compiti le davano un senso di contributo e collegavano il suo passato al suo futuro.

Ho avuto la lezione più difficile da imparare. L’età della donna lavoratrice è stata sostenuta dallo slogan secondo cui si poteva avere tutto: una carriera, una famiglia e un matrimonio felice. La realtà è che devi anche sacrificarti per far funzionare tutto. Quando non ero al lavoro, ero a casa con la mia famiglia. Mio marito ed io abbiamo provato a spremere in alcune serate al mese e una vacanza senza figli all’anno, ma trovare qualcuno che guardasse 5 bambini può essere difficile. Io il tempo era inesistente e il tempo con le amiche era raro. Trascorrere 12 anni della mia vita oltre il liceo diventando un medico ha affinato il concetto di gratificazione ritardata, rendendo più facile rendersi conto che ci sarebbe un tempo futuro in cui sarei in grado di sviluppare interessi esterni.

Ora che è giunto il momento di abbracciare pienamente quegli interessi esterni, sono più che pronto, anche se con una piccola lacrima negli occhi. Mentre ho elenchi di luoghi da visitare e nuove opportunità di volontariato, mi mancano anche i bambini che corrono attraverso la casa, seduti in cucina con me mentre cucinavo e facevano i compiti, rannicchiandosi di notte mentre leggiamo libri e viaggi . Ma è ancora più piacevole interagire con loro come giovani adulti – ascoltando la loro eccitazione e delusioni, discutendo di film ed eventi attuali. Non cambierei nulla di quei primi pazzi anni, se non preoccuparmi di meno e divertirmi di più.