Ecco perché gli adolescenti olandesi sono tra i più felici al mondo

John McKenna, Contenuto formativo


Le pressioni degli esami, la ricerca di maggiore indipendenza, le relazioni tese con i genitori e un corpo pieno di ormoni furiosi si aggiungono all’angoscia adolescenziale. Naturalmente non tutti gli adolescenti hanno la stessa esperienza di questi anni formativi e il luogo in cui vivono ha un’enorme influenza su un momento importante della loro vita.

Se tutti gli adolescenti potessero scegliere dove crescere, i Paesi Bassi sarebbero una buona scelta. È molto probabile che i giovani abbiano un’esperienza positiva della loro adolescenza.

In media, sono probabilmente tra gli adolescenti più felici, più sani, più istruiti e più ricchi che vivono nelle nazioni più ricche del mondo.

All’inizio di quest’anno, un rapporto dell’OCSE ha rilevato che oltre il 93% dei bambini di età compresa tra 11 e 15 anni nei Paesi Bassi ha registrato una soddisfazione di vita superiore alla media.

E i successivi rapporti dell’UNICEF hanno elencato i Paesi Bassi come uno dei migliori posti al mondo in cui vivere bambini e adolescenti.

Quando l’UNICEF ha valutato il benessere di bambini e adolescenti nelle nazioni dell’OCSE nel 2013, i Paesi Bassi sono arrivati ​​in testa alla classifica generale. Ha anche superato le singole categorie per benessere materiale, benessere educativo, comportamenti e rischi.

Equilibrio tra lavoro e vita privata

Gli adolescenti olandesi sono tra i meno propensi a intraprendere comportamenti rischiosi, tra cui rimanere incinta e bere alcolici.

Un successivo rapporto dell’UNICEF nel 2017 ha rilevato che le ragazze adolescenti nei Paesi Bassi erano le meno probabilità al mondo di subire violenze.

E i rapporti pubblicati lo scorso anno dall’UNICEF e dall’Organizzazione mondiale della sanità hanno rilevato che i Paesi Bassi hanno i più bassi tassi di obesità tra le nazioni ricche.

La salute e la felicità degli adolescenti olandesi sembra riflettere la salute e la felicità della popolazione olandese nel suo complesso.

Quest’anno, ancora una volta, i Paesi Bassi si sono classificati tra i primi 10 nel Global Happiness Index.

In un mondo in cui i problemi di salute mentale sono in aumento, i Paesi Bassi rimangono una delle nazioni OCSE con il più basso uso di antidepressivi pro capite.

Forse il segreto della felicità diffusa nei Paesi Bassi, e la felicità dei suoi adolescenti in particolare, è l’equilibrio tra lavoro e vita privata del paese.

L’indice OCSE Better Life di quest’anno ha rilevato che gli olandesi hanno il miglior equilibrio tra lavoro e vita privata di qualsiasi nazione sviluppata.

Solo lo 0,5% dei dipendenti olandesi lavora regolarmente per lunghe ore, il tasso più basso dell’OCSE, dove la media è del 13%. Complessivamente lavorano in media solo 30,3 ore settimanali, ben al di sotto della media UE di 40,3 ore settimanali.

Invece, si dedicano all’incirca 16 ore al giorno a mangiare, dormire e dedicarsi tranquillamente.

Gli olandesi trascorrono anche del tempo insieme come famiglie, il che si riflette nella forza delle relazioni che gli adolescenti nei Paesi Bassi hanno con i loro genitori.

Tra gli adolescenti europei, una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità ha scoperto che i quindicenni nei Paesi Bassi trovano più facile parlare con i loro genitori.

Hai letto?

  • Il movimento giovanile globale sta guadagnando slancio
  • Gli olandesi hanno il miglior equilibrio tra lavoro e vita privata. Ecco perché
  • Il piano olandese di costruire il più grande parco eolico del mondo

Originariamente pubblicato su www.weforum.org .