Come NON allevare un marmocchio

Scommetto che nessuno di voi spera che i tuoi figli diventino più egocentrici, avari, ingrati e sconsiderati. Fai tutto ciò che è in tuo potere per impedirlo. Come mai così tanti bambini crescono per avere diritto, egocentrici e insensibili? Il problema sta nel modo in cui usi il “tutto in tuo potere” per crescere bambini generosi e riconoscenti. Quando i genitori si concentrano maggiormente sulla mancanza di qualcosa da parte del figlio, ironicamente è ciò che cresce.

Non siamo tutti egocentrici, davvero? Vogliamo tutti ciò che vogliamo quando lo vogliamo. La differenza tra noi e i bambini è che abbiamo (si spera) superato il processo di maturazione. In tal modo, apprendiamo che anche altre persone vogliono ciò che vogliono. Impariamo che se avremo una relazione, dobbiamo essere attenti all’agenda dell’altro e fare dei compromessi, quindi una relazione può funzionare.

Ma i tuoi figli non ci sono ancora. Non dovrebbero essere tenuti a considerare ciò per cui non sono pronti.

La genitorialità tradizionale dice ai genitori se non insegnano immediatamente gratitudine, condivisione e considerazione, i bambini non impareranno mai e diventeranno marmocchi viziati. Quindi, quando quel normale territorialismo appropriato per lo sviluppo colpisce con “Il mio”, afferrando giocattoli, ignorando le richieste, spingendo e colpendo, i genitori vanno fuori di testa e dipendono dal controllo delle tattiche della paura per insegnare il diritto dall’errore, dall’altruismo e dalla gentilezza.

Sì, la vita sarebbe più semplice se i tuoi figli facessero quello che volevi quando lo volevi, se non ti mettessero in imbarazzo in pubblico, se il loro comportamento ti rendesse orgoglioso. Ma riesci a vedere – questo è tutto per te.

Siamo davvero egocentrici quando si tratta di crescere i nostri figli. Quando si comportano come bambini, riceviamo la pressione dei nostri pulsanti, la paura per il loro (e il nostro) futuro e reagiamo. Le nostre reazioni causano sentimenti di impotenza, scarsità, paura di metterci nei guai e il comportamento peggiora. Presto abbiamo i bambini che abbiamo cercato di non avere e ci chiediamo cosa sia successo.

Non possiamo aspettarci che i nostri figli risultino diversamente da ciò che vivono a casa. Quindi, cominciamo qui:

  • Sei rispettoso dei tuoi figli come vuoi che siano di te? O urli, biasimi, minacciati, porti via le loro cose preferite in nome di una buona disciplina?
  • Stabilisci doppi standard? Limiti il ​​loro tempo tecnologico ma non il tuo? Dite loro di smettere di urlare, usare un linguaggio volgare o ignorarvi, eppure urlate, usate un linguaggio volgare e ignorateli?
  • Minacci e provochi la loro rabbia o paura di far loro fare ciò che vuoi e poi incolpali quando “non ascoltano”?
  • Ti arrabbi con loro quando si arrabbiano ma ti aspetti che abbiano considerazione per te quando sei arrabbiato?

Perché pensiamo di poter parlare ai nostri figli in modo diverso da come vogliamo che parlino con noi?

Essere rispettosi non significa dare loro ciò che vogliono. Significa assumere il comando dell’empatia, della gentilezza, del compromesso e della risoluzione dei problemi, che non richiede mai colpa, minacce e punizione.

Quando ai bambini viene sempre detto cosa fare e come, si sentono come pedine spinte su una scacchiera. Il risultato è un adolescente che non ascolta più i genitori, che prende spunti dai coetanei e si dimena di fronte alla responsabilità, esattamente l’opposto di quello che ci siamo prefissati di sollevare.

Quando i bambini non si sentono compresi e accettati ma criticati e giudicati, smettono di contare sul sostegno dei genitori. Forse viene detto loro cosa fare invece di essere ascoltati. Presto si spengono da te e trovano la loro strada.

Presta attenzione a ciò che è importante nelle trincee quotidiane della genitorialità per un giorno crescere un bambino con uno spirito generoso. Puoi:

  • Consenti al naturale ego-centrismo di tuo figlio. Non aspettarti che i bambini in età prescolare “siano il ragazzo grande”, “conoscano meglio”, “sii gentile con il bambino”, condividi i loro giocattoli. Quando l’ego-centrismo viene accettato e compreso, i bambini ne escono naturalmente. Quando la tattica punitiva tenta un comportamento migliore, i bambini afferrano ciò che temono venga portato via. È così che cresce il narcisismo.
  • Scopri le fasi dello sviluppo e il temperamento innato in modo che le tue aspettative di comportamento siano realistiche per il tuo bambino.
  • Non aspettarti gratitudine per le scelte che fai per i tuoi figli e per ciò che hanno imparato ad aspettarsi.
  • Sii rispettoso anche quando imposti un limite. “Non va bene per me che accada” y “. Cosa possiamo concordare, quindi funziona per entrambi? ”
  • Capire che quando i bambini si comportano male è perché stanno avendo un problema, non essere un problema. Quando si affrontano le emozioni che provocano il comportamento, non solo il comportamento, si arriva alla causa e si insegna compassione.
  • Assicurati che i tuoi figli partecipino per aiutare con i lavori domestici per imparare come i team lavorano insieme per fare le cose.
  • Assicurati che i tuoi figli si sentano membri importanti della famiglia includendoli nelle decisioni che incidono sulla loro vita.
  • Mostra il tuo interesse e la tua generosità ai tuoi figli. Dai loro una seconda possibilità. Ascolta ciò a cui tengono.
  • Sii proattivo riguardo ai regali. Parla dei gesti fatti e dell’importanza del ringraziamento e dell’apprezzamento. Fai sapere loro che possono lamentarti delle calze o del giocattolo “baby” di zia Sarah.
  • Sottolinea che la generosità è una responsabilità per coloro che hanno, un sacrificio che può essere fatto per coloro che non hanno.

Ecco alcune idee per portare un’attività generosa nella tua casa:

  • Prendi l’abitudine quotidiana di elencare 3 cose di cui sono grati per quel giorno a cena o prima di coricarsi. Incorporare 1 grazie a ciascun membro della famiglia.
  • Indica i momenti in cui tu e i bambini riunite giocattoli e vestiti indesiderati da regalare ai bambini bisognosi. Non spingerlo su bambini piccoli che potrebbero essere attaccati anche alle loro cose inutilizzate.
  • Ospita feste di compleanno che suggeriscono che i regali siano donazioni a un’organizzazione benefica.
  • Dare un’indennità in 3 parti: 1 parte per il risparmio, 1 per la spesa e 1 per un’organizzazione benefica che tu e tuo figlio scegliete insieme. Dai un’occhiata a Daymaker.com.
  • Ogni volta che fai donazioni a una dispensa alimentare, ecc., Porta con te i tuoi figli e il più spesso possibile, scegli un momento in cui vedere anche le persone che ricevono donazioni.
  • Scegli un’organizzazione di beneficenza familiare di cui tieni traccia. Ad esempio, segui quanti bambini beneficiano di materiale scolastico donato in Zambia.
  • A cena leggi qualcosa del giornale che parla di un atto generoso o gentile.
  • Incoraggia i bambini a dare ai propri cari per compleanni e vacanze. Anche i bambini piccoli possono disegnare o creare carte.

Assicurati che la tua gratitudine e generosità sia l’insegnante più importante per i tuoi figli. Il tuo comportamento e atteggiamento insegna molto più delle tue parole.