Niente più segreti

Sono cresciuto un duro seguace delle regole.

Attraversare la strada? Ho guardato in entrambi i modi. Sveglio e solo dopo aver dormito? Mi sono nascosto. Stai mangiando un Kit-Kat? Li ho separati come una persona civile.

Desidero compiacere chiunque e tutti sotto il sole. Almeno, lo desidero ardentemente. Un giorno mi sono reso conto che è difficile farlo.

Voglio seguire le regole degli altri. Anche io voglio seguire il mio. Come posso tirare fuori entrambi? È un compromesso difficile.

Il mio modo di vincere è piegare queste regole e inventare nuove regole che fanno funzionare le regole di tutti gli altri con le mie.

Si. È un casino.

Grazie all’audiolibro di Jon Acuff, Finish, ho alcuni consigli freschi e dorati su questo argomento. Sto imparando a superare le “regole segrete”. Mi sono nutrito per sempre e un giorno.

Ho avuto piccole cose che ho passato tutta la mia vita a trattenere che sono piuttosto stupide ma dettano il modo in cui mi impegno con piccole cose nel mondo che mi circonda.

Ad esempio, ho una regola di 10 secondi per il buffering di Internet. Ogni volta che una pagina web fa fatica ad apparire immediatamente, conto “10-Mississippi” ad alta voce. Conto lentamente. Voglio dare una possibilità alla pagina. Lo faccio perché, se la pagina non riesce, non la visiterò mai più. L’ho fatto per 14 anni. Triste, vero?

O pensa alla mia scusa “con cinque minuti di ritardo o più salti” che ho per le lezioni. Anche se riesco a farcela un paio di secondi dopo il segno dei 5 minuti, non entrerò ancora in classe. Ho fallito quel giorno e invece faccio colazione o pranzo.

La mia regola preferita è quella che ho per allenarmi. Se cammino più di un miglio o due al giorno, “questo è il mio allenamento!” Ecco il trucco: non possiedo un’auto. Cammino ovunque. Cammino per quattro o cinque miglia al giorno. Semplicemente non voglio ottenere il massimo valore dal mio abbonamento a una palestra e in realtà sto bene, credo.

Vedete, ecco perché le regole segrete sono pervasive e tossiche.

Ne ho molti e loro gestiscono la mia vita a livello micro.

La regola dei 10 secondi alimenta la mia mancanza di pazienza. La regola dei cinque minuti incoraggia l’irresponsabilità. La regola dell’esercizio supporta la pigrizia.

Ancora più pericoloso dei cambiamenti comportamentali è la ragione dietro le mie regole. Sono un modo per deviare la perfezione, che bramo internamente. Il mio ego fa male ad essere affermato e gli viene detto che sta controllando tutte le caselle giuste delle mie liste.

Invecchiando le mie regole segrete diventano più viscose.

I miei genitori avevano cinque figli da 23 anni. Non ho mai avuto una relazione intima, e tanto meno ho pensato di crescere un bambino. Per questo motivo mi sento come se fossi solo la metà dell’adulto, potrei essere in questo momento alla stessa età di loro.

Sui social media, sono ridicolmente trasparente e attivo. Quindi condivido ciò che mangio, bevo, amo e faccio. La gente odia alcune di queste cose, però, come quando ho avuto una quantità eccessiva di immagini speculari o messo in scena foto della Bibbia. Mi sentivo in colpa perché gli altri non pensavano che fosse appropriato. Quindi mi sono fermato.

La videografia è qualcosa per cui ho tutti gli strumenti e che so come realizzare. Ho molti colleghi che sono più giovani e fanno un lavoro migliore. Quindi non pratico perché sono convinto di non essere progettato per imparare come. Questa è una bugia.

Tutte queste regole segrete sono un’illusione che mi mette in controllo di piccole cose che mi convincono che ho tutte le macro cose sotto chiave.

Sto imparando a ridimensionare queste regole segrete.

Sto imparando semplicemente a stabilire standard salutari per me stesso che generano una crescita genuina del personaggio e incoraggiano una grande produttività.

Aspetto circa un minuto ora quando una pagina si bufferizza. Lascio più tempo nel mio programma tra le cose, quindi il ritardo non è un problema. Non vado a letto senza allenarmi per 30 minuti, che piaccia o no.

Il mio 23 è incredibilmente occupato e pieno di avventure che non avrei potuto vivere con altre piccole persone della mia vita. Potrei avere una famiglia un giorno, ma i miei genitori 23 possono essere i miei 32.

Condivido questa emozione e le cose che vivo sui social media senza pensare prima al mio pubblico.

Nel frattempo, non penso nemmeno alle cose che i coetanei stanno facendo meglio di me perché farò sempre ciò che faccio meglio e posso collaborare con loro per assistere alle loro specialità.

Le regole segrete ci rendono qualcosa che non siamo. Ognuno ci trattiene. Ognuno di noi ci fa lottare per la perfezione anche se molti di noi sono perfezionisti imperfetti.

Dobbiamo liberarci di quella parte perfezionista dell’essere creativi. Dobbiamo accettare di essere imperfetti e poi soffiarci via con il modo in cui possiamo davvero stare insieme quando lavoriamo per il culo.

Le nostre regole segrete sono inutili. Uccidiamoli ora e schiacciamo un mondo che ci definiamo quotidianamente.