Svegliati con questo rolodex di motivi per cui ti risenti

Ho iniziato a indossare una targhetta ogni giorno per un semplice motivo.

Rende le persone più amichevoli. Periodo .

Diciotto anni e centomila interazioni dopo, funziona ancora. Ogni giorno. Completi sconosciuti, nuovi amici, colleghi di lavoro, conoscenti occasionali, agenti dell’assistenza clienti e senzatetto, agiscono tutti più amichevolmente nei miei confronti. Missione compiuta.

L’ironia, tuttavia, è che è stata una lotta estendere lo stesso senso di compassione, accettazione, gentilezza e perdono interiormente.

Perché nonostante la mia profonda avvicinabilità agli altri, spesso dimentico di agire con grande cordialità verso me stesso. Trascuro la persona all’interno che ha più bisogno di un’etichetta.

C’è da stupirsi che una volta sono stato ricoverato in ospedale per malattie legate allo stress tre volte nello stesso anno? Ovviamente no. Non avevo ancora imparato a trattarmi come volevo essere trattato.

È come la classica battuta del gruppo di supporto.

Quando una persona codipendente muore, qual è l’ultima cosa che lampeggia davanti ai loro occhi?

La vita di qualcun altro.

E così, anni dopo, ho iniziato un viaggio parallelo di cordialità. Non solo appartenere al mondo, ma appartenere a se stessi. Non solo sentirsi a casa come noi, ma sentirsi come me.

Una pietra miliare di questo viaggio sta migliorando nel constatare i momenti in cui castigo e mostro, critico e mi picchio. Non giudicarmi per averlo fatto, semplicemente notarlo. E poi lasciarlo andare.

Dopotutto, la consapevolezza è sempre la libertà del precursore. Non importa cosa stai praticando.

Questo processo sta provando. Diventare più amichevole con me stesso, incluso ogni aspetto del mio essere, richiede pratica. Dirigere l’accettazione anche alle mie qualità più indesiderabili e consentire al mio corpo di ricevere pienamente il dono della compassione, che richiede pratica.

Ma non diversamente dalla targhetta stessa, so che se rimango solo per qualche anno, alla fine, pagherà.

Ogni momento della resa è un altro atto di misericordia verso noi stessi.

Lascia che ti chieda questo …
Chi sei se non ti svegli con questo rolodex di motivi per cui ti risenti?

* * * *

Scott Ginsberg
Quel ragazzo con il Nametag
Autore. Speaker. Stratega. Inventore. Filmmaker. Editore. Songwriter.
[email protected]
www.nametagscott.com

Acquista il mio ultimo devozionale!

A Year in Hot Yoga: 365 meditazioni giornaliere per accendere e spegnere il tappetino .

Ora disponibile ovunque vengano venduti libri.

Namaste.