È un involucro

L’ultima bottiglia di gin è finita un po ‘più velocemente di quanto avessi previsto.

Mi sto prendendo a calci per non aver fatto scorta.

Ma cosa fare

Trovare il coraggio di ammettere qualcosa per se stessi può essere difficile quanto dirlo a qualcun altro.

Vedi, sta arrivando al nostro anniversario di matrimonio tra un paio di giorni, un cupo promemoria che il nostro matrimonio è caduto a pezzi negli ultimi tre anni. Un po ‘troppo facilmente.

È come se qualunque cosa pensassimo ci tenesse insieme, quella colla inspiegabile che produce matrimoni lunghi 60 anni, in realtà si è rivelato essere nient’altro che gossamer. Almeno per noi.

In terapia qualche settimana fa ci è stato assegnato un incarico; per trovare quell’unica cosa che fa il coniuge che ti turba. E poi raccontaglielo. Ho una forte avversione nel sollevare cose che ho detto prima, quindi ho cercato di pensare a qualcosa che avevo trattenuto fino ad ora. Non ne ho trovato uno. Ho scoperto di aver detto tutto negli ultimi due anni. In alcuni casi più di una volta.

Ricordo di averla guardata seduta di fronte a me nell’ufficio del terapista e di aver pensato a quanto mi ero fatto un casino. È intelligente, bella, una madre straordinaria, una super casalinga e rock star nella sua professione. Potrei presentarmi con lei ovunque e non preoccuparmi di essere imbarazzato. Mai. Cioè se le importasse venire. Indipendentemente da ciò che qualcuno direbbe, si sente veramente e profondamente ferita da me (e probabilmente giustamente). Ma non sembra pensare di aver fatto qualcosa di sbagliato o di farmi del male in alcun modo. Le mie lamentele sono state troppo favorevoli nel tempo, a causa della mia paura di essere un nag, per registrarsi sul suo radar. Ero il signor Nice Guy. Avrei dovuto essere il signor Prick quando contava. Non l’ho fatto

Adesso è una vittima. Come sua madre. Come sua sorella. Come era la sua amica. Come molte altre donne sono e sono state in tutto il continente per eoni. Nel profondo sembra essersi spostata. Il suo corpo è qui, ma è sparita da tempo.

Mentre eravamo seduti lì, le sue braccia sul petto, trasudando l’atteggiamento di una persona trascinata prima di un ciarlatano, il suo linguaggio del corpo diceva tutto. Non voleva essere lì. Questo chiaramente non era dove preferiva trascorrere il pomeriggio. Ma eccola qui. Con il senno di poi penso perché sentiva di aver bisogno. Quindi poteva indicare un luogo nel tempo e dire “vedi, ho fatto del mio meglio”.

Forse è lo stesso motivo per cui ero lì.

Ora mi si schianta addosso come una locomotiva in fuga. Posso solo rimandare l’inevitabile. Ma l’inevitabile sta arrivando. Questo matrimonio è scaduto.

È un involucro.

Il miglior anniversario di matrimonio che posso darmi è un appuntamento con una contrazione.

Il miglior regalo per l’anniversario di matrimonio che posso darle è liberarlo.

E non c’è carta da imballaggio per quello.